i aM sick sons worK
Git Search_Nav_Refactoring

D-Sack®. Piccolo cambiamento. Grande differenza.

Un cambiamento nell'imballaggio del cemento è un aspetto che solitamente passerebbe inosservato. Ma se il nuovo imballaggio è D-Sack® – il sacco per cemento che scompare nella betoniera – il miglioramento delle condizioni di lavoro verrà avvertito immediatamente. Scopri come in questi brevissimi video.

Split_P1.jpg

Split_P2_Time_IT1.jpg

Innanzitutto per quanto riguarda lo stoccaggio e la movimentazione, D-Sack® si comporta come qualsiasi altro sacco per cemento di qualità elevata. Ma è quando si utilizza D-Sack® che si nota la differenza. Basta mettere il sacco nella betoniera insieme al conglomerato e all'acqua e l'esclusiva costruzione del sacco - insieme all'azione meccanica - decompone il sacco fino a ridurlo in pezzi minuscoli che si integrano nel calcestruzzo. Immagina il tempo che puoi risparmiare, dal momento che non è più necessario tagliare o aprire i sacchi e versare il cemento nella betoniera.

Split_P2_Health_IT1.jpgNon dover versare il cemento nella betoniera riduce un altro problema: l'esposizione alla polvere di cemento. Gli effetti sono ancora in discussione, ma esistono validi motivi per cui ai lavoratori del settore edile viene raccomandato di utilizzare mascherina e guanti. La polvere di cemento può essere pericolosa. Ma con D-Sack® si evita tutto ciò semplicemente buttando il sacco nella betoniera e allontanandosi.

Split_P2_Waste_IT1.jpgNon da ultimo D-Sack® ovviamente non genera alcun rifiuto. I sacchi di cemento normali si accumulano e devono essere smaltiti. Oltre a essere rifiuti pericolosi e a tutte le complicazioni associate come i costi di smaltimento, il tempo risparmiato in termini di raccolta e trasporto dei sacchi vuoti costituirà un notevole guadagno per qualsiasi impresa edile.

Il pianeta ti ringrazierà

D-Sack non si limita a proteggere la salute, e a far risparmiare tempo e denaro a qualsiasi appaltatore o impresa edile. Una valutazione del ciclo di vita, eseguita da IVL (istituto svedese di ricerca ambientale) ha confermato che D-Sack è un carbon sink in un arco temporale di 100 anni, in quanto l’anidride carbonica assorbita durante la crescita degli alberi e immagazzinata nella carta, rimane nel prodotto cementizio. Ciò consente a D-Sack di avere un impatto sul clima inferiore del 30% rispetto ai sacchi di cemento tradizionali.

Split_3_IT.jpg